Chop Stick

by Marta Malavasi

Indianapolis Museum of art.

Progetto: Visiondivision.

Every product is a compound of different pieces of nature, whether it is a cell phone, a car, a stone floor or a wood board; they have all been harvested in one way or another. Our project is about trying to harvest something as gently as possible so that the source of what we harvest is displayed in a pure, pedagogic and respectful way—respectful to both the source itself and to everyone visiting the building.’

Commissionato come chiosco per i 100 acri di giardino dell’Indianapolis Museum of art, Chop Stick è un progetto ispirato al concetto che sia necessario rinunciare a qualcosa per realizzare una cosa nuova. 

La materia prima scelta per la struttura è un pioppo giallo di 100 piedi, prelevato ad Anderson, in Indiana, e trasportato sul sito, dove è stato sospeso come una trave. La corteccia è stata rimossa per non recare disagi ai passanti. Questo procedimento ha permesso un naturale processo di essiccamento del tronco, che in seguito è stato tagliato in alcune sue parti, riutilizzate per realizzazione di vari elementi del chiosco, come pilastri, altalene e panche poste sotto la chioma.

Per quanto concerne le parti più piccole, gli architetti stanno indagando vari modi per poter consumare gli scarti. Le radici, ad esempio, possono essere usate per tè e bevande; le foglie e i fiori come decorazione e i rami con un diametro inferiore ai cinque centimetri come gambe per tavoli e sedie.

thegoldbrain.blogspot.com

www.imamuseum.org