Tatzu Nishi

by Marta Malavasi

I’m kind of ‘internalizing the exterior’ (and externalization of the interior).
in the middle of consumer culture, my act of packaging not only integrates exterior elements into interior settings,
but addresses the privatization of public spaces. historical monuments or public constructions are turned into decorative
items of the private space — I see it as ‘implementing exclusiveness’ — superficially advocating openness.
it reflects the present situation of power issues in the realm of public space. for example,
in parks, benches are fitted with extra armrests to prevent people from using them for sleeping,
public monuments are covered by advertisements…
 Tatzu Nishi, Designboom.

L’artista giapponese Tatzu Nishi ha iniziato a operare negli anni ’90, realizzando degli spazi di condivisione fuori scala e completamente separati dal contesto che li circonda, adiacenti alle opere pubbliche di tutto il mondo.

Il suo lavoro mira a trasformare monumenti, parcheggi, illuminazione pubblica, costruendo nuovi luoghi che li contengono e  ne modificano la percezione da parte dei visitatori, rendendo accessibili a tutti anche le parti non raggiungibili degli edifici.

. ‘Engel’, Cattedrale di Basilea, Svizzera.

Nishi ha costruito una stanza che racchiude la scultura di un angelo situata sul tetto, trasformandola in soprammobile.

. ‘Villa Victoria’, Liverpool, U.K.

Il monumento della regina Victoria del 1902 e la scultura che lo racchiude realizzata da John Allen, sono stati trasformati in una lussuosa suite d’hotel dall’architetto Frederik More Simpson con la collaborazione di William Edward e Philip Coldwell Thicknesse.

.’Untitled’, Hamburg, Germania.

L’orologio e le sculture in facciata diventano la decorazione di una delle pareti della stanza realizzata sul fronte dell’edificio.

www.tatzunishi.net