The Vertical Farm Project

by Marta Malavasi

Environmental Health Science of Columbia University.

Dr. Dickson Despommier, Ph.D.

Ci sono voluti 10.000 anni perché l’uomo imparasse a coltivare. In questo periodo la maggior parte del territorio è stato talmente sfruttato da trasformarsi in deserto. Inoltre, a causa del regime climatico in rapida evoluzione, inondazioni, siccità prolungate, uragani, monsoni e terremoti ogni anno distruggono vaste aree di terreno e milioni di tonnellate di raccolto.

Entro il 2050 quasi l’80% della popolazione mondiale vivrà nei centri urbani. Si stima che, durante questo periodo, la popolazione aumenterà di circa 3 miliardi. Per provvedere alla produzione di cibo sufficiente per sfamare tutta la terra sarà necessario incrementare di 10.000.000.000 ettari (più o meno le dimensioni del Brasile) il terreno per le coltivazioni tradizionali.

Tale quantitativo di terreno non è sicuramente disponibile e senza una strategia alternativa non si potrà evitare il caos sociale.

Che cosa si può fare per evitare questo disastro?

Una possibile soluzione prevede la realizzazione di centri urbani per la produzione alimentare, le Fattorie Verticali o Vertical Farm, dove le coltivazioni sono cresciute all’interno di alti edifici.

Dickson Despommier, professore di Scienze Ambientali alla Columbia University, ha elaborato questo progetto, in collaborazione con diversi studi di architettura, evolvendo il concetto di Green Roof, ideato dallo stesso Despommier.

Il concetto di coltivazione agricola indoor non è nuova: si basa su tecniche artificiali “fuori suolo” – idroponiche e aereoponiche – che emulano i comportamenti della coltura in serra e sono rese possibili dalla modificazione dell’ambiente rispetto alle esigenze specifiche della pianta.

Già impiegate in diversi paesi, tuttavia non sono mai state sviluppate finora su una struttura multipiano, come quella delle fattorie verticali.

E’ stato stimato che sono necessari circa 110 mq di spazio coperto per produrre cibo a sufficienza per nutrire un singolo individuo. Basandosi su questi dati possiamo prevedere che una Fattoria Verticale di 30 piani potrebbe fornire il cibo necessario per 10.000 persone.

I vantaggi di un’agricoltura verticale:

  • Raccolto per tutto l’anno: 1 acro al coperto equivale a 4-6 ettari all’aperto, a seconda delle colture.
  • Nessuna perdita dei raccolti a causa di siccità, inondazioni e parassiti.
  • Tutto il cibo viene coltivato biologicamente, senza erbicidi, pesticidi e fertilizzanti.
  • VF elimina gli scarichi agricoli riciclando le acque nere.
  • VF permette il ripristino degli ecosistemi non più coltivati.
  • VF riduce l’incidenza di malattie infettive.
  • VF converte le acque nere e grigie in acqua potabile.
  • VF crea energia attraverso il compostaggio di parti animali e vegetali non commestibili.
  • VF riduce drasticamente l’uso di combustibili fossili.
  • VF converte aree urbane abbandonate in centri di produzione alimentare.
  • VF crea nuove opportunità di lavoro.
  • VF offre la premessa per un miglioramento economico dei Paesi in via di sviluppo.
  • VF potrebbe ridurre l’incidenza dei conflitti armati per la gestione delle risorse naturali.

more info: www.verticalfarm.com